Mountain Projects

OBLIVION OBLIVION

Oblivion

Simon Gietl e Andrea Oberbacher aprono una straordinaria nuova via su una parete dolomitica mai scalata prima...

thumb_simon_g thumb_simon_g

Simon Gietl

STIGMATA STIGMATA

STIMMATE

Val Badia: una volta vista, non si scorda più. È uno di quei paesaggi che, quando ne parli a qualcuno che non c'è mai stato, pensa che te lo stia inventando. Se non ci sei mai stato, rimarrai sbalordito da prati verdissimi, fattorie curate, file di pecci che paiono nascondere il passaggio dal prato alla roccia dolomitica...

thumb_simon_g thumb_simon_g

Simon Gietl

SHIVA-ICE SHIVA-ICE

Shiva’s Ice

L'arrampicata su neve e ghiaccio ha un mantra particolare. Scali una montagna e intanto la tua mente, con l'accompagnamento di un ritmo che si ripete, si rischiara e si purifica...

thumb_simon_g thumb_simon_g

Simon Gietl

Salewa_Latok_04 Salewa_Latok_04

Latok: Tornare Indietro

Simon Gietl ha scoperto le montagne del Karakorum in un libro: “Ogre”, scritto da Thomas Huber e letto in ospedale, dopo una delle sue prime salite invernali, dall’esito non proprio perfetto.

thumb_simon_g thumb_simon_g

Simon Gietl

MNT-PROJECT-NORTH3 MNT-PROJECT-NORTH3

North3 la Storia

A volte succede che cose eccezionali inizino in maniera semplice, quasi banale. Con una domanda che potresti ascoltare al parco giochi, per esempio.

thumb_simon_g thumb_simon_g

Simon Gietl

mountain_project_orca_preview mountain_project_orca_preview

Orca

IL PROGETTO TRAD DI SIMON E MANUEL GIETL SUL DURRERSPITZE: LA STORIA DI UNA RELAZIONE FRATERNA, CRESCIUTA IN MEZZO AI SASSI.

thumb_simon_g thumb_simon_g

Simon Gietl

breathing_cold_preview breathing_cold_preview

Respirare il Freddo

Il primo passo è sempre il più difficile. Specie se è il primo passo verso una cascata di ghiaccio. Lo sai fin dall’inizio: quando vai ad arrampicare su ghiaccio è sempre una giornata tosta, una di quelle che ti ricordi per un pezzo.

thumb_simon_m thumb_simon_m

Simon Messner

winter_traverse_preview winter_traverse_preview

Winter Traverse - Simon Gietl

Ogni volta che penso ad un nuovo progetto mi sento pervadere da un senso di entusiasmo incontenibile. Lo descriverei come un mix di euforia, incitamento e vocazione.

thumb_simon_g thumb_simon_g

Simon Gietl

eline_story_preview eline_story_preview

Eline Le Menestrel - Il mio incontro con le Dolomiti

Mi arrampico da sempre. Sono nata a Fontainebleau, ma cresciuta a Barcellona, dove i miei decisero di trasferirsi con me e mia sorella per via delle rocce fantastiche che ci sono in Catalogna.

thumb_eline thumb_eline

Eline Le Menestrel

hearme_simon_preview hearme_simon_preview

UN CERCHIO CHE SI CHIUDE

Simon Gietl è riuscito a completare tutti i 21 tiri della via “Can you hear me?” sulla parete ovest della Cima Scotoni. Era il 15 agosto 2020 e assieme a lui c’era il suo compagno di cordata Andrea Oberbacher. Chiudendo questa via ha mantenuto una promessa. Il che gli ha infuso un profondo senso di felicità, ma anche della innegabile malinconia.

thumb_simon_g thumb_simon_g

Simon Gietl