ANDREA SIMONINI

NATIONALITÀ: ITALIANA
DATA DI NASCITA: 09.08.1985
ATTIVITÀ PRATICATA: ALPINISMO, ARRAMPICATA SPORTIVA

BIO


Verona è caotica come ogni cittadina del Veneto. Ma se ti piace la quiete della montagna, basta fare pochi chilometri. Facile, se hai dei genitori sensibili ed intelligenti che ti accompagnano a coltivare le tue passioni sin da piccolo. È così che Andrea ha scoperto le sue passioni: prima lo scialpinismo, poi l’alpinismo e l’arrampicata libera. Dopo un brutto incidente su ghiaccio, nel 2011, decide di appendere le piccozze al chiodo dedicando cosi il 100% delle sue energie all’arrampicata e ad aprire vie nuove nella sua amata val d’Adige, in Dolomiti o in qualche spedizione.

Attività praticate:
Outdoor tutta la vita!
Appena ha tempo, Andrea scappa in montagna a ripetere qualche grande via alpinistica, oppure ad aprirne: ogni posto nuovo è un nuovo gioco che ti permette di capire chi sei. Si dedica anche all’arrampicata in falesia: ha all’attivo la chiodatura di circa 400 vie in 7 nuove falesie, fino a difficoltà di 8b. L’etica è semplice e pulita: nessun passo in artificiale. Il risultato è che il ripetitore proverà le stesse emozioni dell’apritore.
Hobby:
Una famiglia incredibile, che non è esattamente un hobby: sua moglie Lisa e suo figlio Tommaso sono la sua vera benzina. L’hobby è spendere assieme ogni bella giornata, in montagna a piedi, in bicicletta o in falesia… L’importante è stare tranquilli (ogni tanto)! Andrea ama anche la corsa in montagna e l’allenamento nella palestra boulder di casa, e per finire si ritiene un buon pizzaiolo.
Luogo preferito:
Le Dolomiti di Brenta, in particolare la val d’Ambiez e la val d’Adige.
Libro preferito:
Tra vento e vertigine, di Steph Davis: un libro in cui istinto e pianificazione si intrecciano e si scontrano.
Paura più grande:
Più che paura si tratta di prudenza: essere padre ti obbliga a chiederti sempre se non stai facendo il passo più lungo della gamba.

PROGETTI


2018
Nuova via “Alpinisti dal Futuro” (215mt, IX- max), Altar Knotto, altopiano di Asiago.
Nuova via “Carega Punk” (200mt, VIII max), parete vergine e inesplorata nel gruppo del Carega, Lessinia.
Nuova via “Limited Edition” (140mt, 7b+ max), Val d’Adige.

2017
Nuova via “Atommyco” (250mt, 8b max), cima d’Agola 2960mt, val d’Ambiez.
Nuova via “Vuoto Cosmico” (180mt, 8b max), Brentino, val d’Adige.

2016
Nuova via “Bastava un Piumino” (200mt, VIII- max), Pilastro Canino 2650mt, pilastro mai salito, val d’Ambiez.
Prima salita trad (solo friend e dadi) di “Bananacoccobaobab”, E6-6c (7c).

2015
Nuova via “Pilastro Zambaldi” (400mt, VIII max), 2800mt, parete vergine e inesplorata, val d’Ambiez.

2014
Nuova via “Sguardo al Passato” (300mt, VIII max), cima Bassa d’Ambiez 3017mt, val d’Ambiez.

2013/14/15
Ampliamento e sviluppo della parete di “Eldorado” alla chiusa di Ceraino (Verona) con 10 nuove multipitch sui 120mt con difficoltà fino all’8a e 30 monotiri fino all’8a+.

2013
Nuova via “Mostro Turco” (650mt, 8a/b max), cima Lower Guvercinlik 3000mt, spedizione esplorativa in Turchia nel gruppo dell’Ala Daglar.

"I BELONG TO THE DOLOMITES, AND I PLAY MY GAME ON THE MOUNTAINS OF THE ENTIRE WORLD. THE DOLOMITES ARE MY HERITAGE, MY BACKYARD, BUT MOST OF ALL THE PLACE WHERE I SHAPE MY VISION FOR THE FUTURE OF MOUNTAINEERING."

Simon Gietl